Come Vestirsi in Ufficio in Estate – Consigli Utili

L’ufficio è senza dubbio il posto meno adatto per scoprire troppo il corpo. Nonostante il caldo e l’atmosfera di vacanza che regala la voglia di vestirsi in modo colorato ed indossare sandali e canottiere, teniamo sempre presente che ci troviamo sul posto di lavoro e quindi dobbiamo riuscire a mantenere un abbigliamento estivo quanto più possibile professionale. Ecco dunque alcuni piccoli consigli su come presentarsi in ufficio durante questi mesi caldi.

Per quanto riguarda le donne, le gambe scoperte non sono un grosso problema, a patto che siano ben depilate e magari abbronzate ma le spalle scoperte (canottiere e top) sono accuratamente da evitare. Vestire in maniera inadeguata danneggia inevitabilmente l’immagine da un punto di vista professionale e mette in dubbio il proprio senso del decoro.

L’ideale sarebbe trovare la giusta misura tra la calura estiva e un abbigliamento rispettoso nei confronti dei colleghi e del datore di lavoro, ciò vale a dire evitare il look “da bagnini”, ma neanche conquistarsi il triste titolo di “più abbottonati dell’ufficio”.

Ecco qualche semplice consiglio per orientarsi nella scelta del look. Innanzitutto, potresti decidere astutamente di seguire la tendenza del tuo capo: in questo modo sicuramente potrai incontrare i suoi gusti, anche se, sia ben chiaro, che i ruoli sono diversi e se a lui è permesso di osare, non altrettanto è permesso a tutti!

In secondo luogo, dovresti sapere che vestire in modo più informale non vuol dire essere trasandati. Assicurati sempre che i capi che indossi siano puliti e ordinati. Se l’azienda per cui lavori ti autorizza ad indossare sandali o ciabatte (magari evita quelle di plastica o colorate..) assicurati di avere piedi curati.

Attenzione ai materiali leggeri come seta, cotone e lino. La differenza tra la temperatura naturale degli esterni e quella artificiale dell’aria condizionata in ufficio supera spesso i 15 gradi. Le donne inoltre, devono essere accorte rispetto alla trasparenza di questi materiali per rispetto dei colleghi e di se stesse.

Utilizza il bianco e le tonalità chiare (beige, blu chiaro, avorio), che oltretutto mettono in risalto l’eventuale abbronzatura, evitando invece colori troppo accesi che potrai sfruttare sicuramente al mare o nel corso della vostra vacanza.

Per quanto riguarda gli uomini, evitate l’effetto della canottiera visibile sotto la camicia e del calzino corto che scopre la gamba nuda sotto l’abito elegante. Per sentirvi più leggeri, se proprio è richiesto l’abito, togliete almeno la cravatta. Anche se il vostro ambiente di lavoro è informale tenete presente che la forma fisica del “gentil sesso” permette di osare molto di più. Il piede di una donna con le unghie smaltate e curate incorniciato da un bel sandalo non appare per niente volgare ed anzi spesso è addirittura elegante ma l’effetto che suscita il vostro piede scoperto non sarà sicuramente lo stesso.

Evita quindi sandali e pantaloni corti. Per un dipendente infatti, il massimo consentito dal dresscode è di togliere la giacca indossando una polo sobria o una camicia con le maniche ordinatamente arrotolate all’altezza del gomito.